Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2017

'Le ho mai raccontato del vento del Nord' di Daniel Glattauer

Immagine
Trovato nelle promozioni in libreria, non mi ero lasciata intimidire dal titolo non molto convincente (e tanto simile a L'eco lontana delle onde del Nord, con cui non ha nulla in comune): la trama, al contrario, mi aveva davvero incuriosita. In effetti, ritengo che il titolo non sia abbastanza evocativo. Ciò che riguarda il Nord, però, lo devo ammettere, mi piace.
Ad ogni modo, questo è stato un vero record: un libro letto in soli due giorni (ovviamente, due giorni di lavoro full-time affiancato alla dura vita da pendolare).
Veniamo al dunque: un uomo e una donna cominciano, per caso, a scambiarsi e-mail e continuano a farlo, per scelta. Il resto bisogna leggerlo per capire quanto le pagine siano ipnotiche e totalizzanti, esattamente come la dinamica che si stabilisce tra Emmi e Leo, la quale condiziona l'andamento della quotidianità ed influisce su tutte le sfere della loro vita. Un diversivo dalla realtà, dunque, questo gioco: lei che cerca di evadere da una vita tranquilla, rou…

'Sono contrario alle emozioni' di Diego De Silva

Immagine
Quasi quasi ci prendo gusto ad accettare i libri in prestito. Come per Non è la fine del mondo, anche l'avvicinamento al geniale De Silva mi è stato caldamente suggerito, enfatizzato da un vivido entusiasmo. Il volumetto è giunto a me dopo una distensiva chiacchierata di confronto su libri letti e da leggere. Quanto può rendermi felice una tale conversazione? Impossibile quantificare.
Avevo già in libreria "Non avevo capito niente", ma qualche anno fa i monologhi dell'avvocato Vincenzo Malinconico, a dire il vero, un po' mi annoiavano. Blasfemia? Sicuramente quelli di De Silva costituiscono una tipologia di romanzo molto diversa da ciò che leggo di solito (narrazioni classicamente intese, seppur con le varianti del caso). Piccoli capitoli con titoli assai evocativi si susseguono, presentando un'alternanza di monologhi, lotte conversazionali con se stesso, dialoghi con lo strizzacervelli e brevi accenni a vicende relative alla sfera relazionale del protagonista.…

'Non è la fine del mondo' di Alessia Gazzola

Immagine
Mi piace molto quando qualcuno mi consiglia un libro. 
La gioia della condivisione è contagiosa. E poi un libro rispecchia sempre una sfumatura della persona che lo ha scelto: è come se potesse aiutarci a conoscere meglio quella persona.

Senza cadere in ulteriori divagazioni, è facile intuire che questo romanzo mi è stato prestato; e questo è stato di certo un modo per sfatare la mia rigidissima convinzione secondo la quale non posso leggere un libro se non è di mia proprietà. E' che mi infastidisce non poterlo fare mio: sottolineare, piegare i lembi della pagine, prendere appunti, renderlo un prolungamento del mio corpo.
Eppure non ho potuto rifiutare. "Non sarà la fine del mondo", ho pensato (in maniera involontariamente assai pertinente), accettando lusingata l'invito, al candido: «La protagonista assomiglia tanto a te!».

Comincio a leggere e capisco di trovarmi di fronte ad una favola moderna. Non mi dispiace affatto, in questo momento. 
Effettivamente, man mano che s…

Perchè Libro vuol dire Libero?

Immagine
Perché un libro libera la mente: favorisce la conoscenza, affina le capacità critiche, promuove la diffusione di pensieri e di idee.

Perché un libro libera la fantasia: è un viaggio in mondi lontani nel tempo e nello spazio, eppure raggiungibili in qualsiasi momento.  


Perché un libro libera il corpo: durante la lettura, dona rilassatezza alle membra.

Ecco, quindi, lo scopodel blog: solleticare l'immaginazione attraverso i racconti e condividere le emozioni suscitate da libri che rapiscono la mente.

Chi sono

Immagine